Principale Film Film / Gran Premio

Film / Gran Premio

  • Film Da Gran Premio

img/film/86/film-grand-prix.jpg Gran Premio è un film del 1966 diretto da John Frankenheimer e interpretato da James Garner e ambientato nel mondo delle corse di Formula 1.Annuncio:

Garner interpreta Pete Aron, un pilota americano che viene licenziato dalla sua squadra dopo aver causato un incidente che ferisce gravemente il suo compagno di squadra britannico Scott Stoddard (Brian Bedford). Mentre Stoddard si riprende e affronta i suoi dubbi di poter essere all'altezza della reputazione del suo illustre fratello, Pete Aron ha una relazione con la moglie di Stoddard e si iscrive alla squadra giapponese Yamura, una squadra nuova e finora senza successo. Nel frattempo, nello storico team Ferrari, il veterano ed ex campione Jean-Pierre Sarti (Yves Montand) è cinico ed esausto mentre il suo compagno di squadra Nino Barlini (Antonio Sabato) è un giovane allenatore emergente.

Il film segue questi quattro piloti per tutta la stagione fino a quando il campionato non si riduce a un'ultima gara. Aron vince e si riconcilia con Stoddard, ma è una vittoria vuota:Sarti è morto in un incidente all'inizio della garae Aron viene lasciato a percorrere il circuito da solo.

Annuncio:

John Frankenheimer arricchisce quello che avrebbe potuto essere un melodramma sdolcinato con sequenze di corse mozzafiato: una combinazione di scene girate durante la stagione di Formula 1 del 1966, acrobazie alla guida di alcuni dei migliori piloti di F1 del giorno e auto di Formula Tre modificate guidate dagli attori stessi. James Garner in particolare guidava da solo e in effetti spesso batteva i 'veri' piloti nelle gare tra il cast.

Molti dei personaggi indossano i modelli del casco dei piloti del giorno: James Garner sfoggia l'elmetto del neozelandese Chris Amon, Brian Bedford indossa la striscia scozzese di Jackie Stewart e Yves Montand si scambia a metà strada dal coperchio di John Surtees a Mike Parkes mentre Parkes ha sostituito Surtees alla Ferrari a metà stagione nella vita reale. I piloti della 'vita reale' appaiono come comparse durante le scene di gara, anche con la linea occasionale. In effetti, ai campioni della vita reale Phil e Graham Hill (nessuna parentela) sono stati persino assegnati ruoli minori e nomi di personaggi.

Annuncio:

Il film ha vinto l'Oscar per i migliori effetti sonori, il miglior design del suono e il miglior montaggio del film, con Saul Bass che ha fornito alcune sequenze grafiche memorabili con immagini piastrellate mentre le sequenze delle corse non erano accompagnate da musica casuale, piuttosto dal forte rombo dei motori V8, dallo stridio di pneumatici e un commentatore eccitabile.


Questo film contiene esempi di:

  • Chiunque può morire:Sartiviene ucciso nel momento clou del film al Gran Premio d'Italia.
  • Licenza Artistica – Storia :
    • Il Gran Premio d'Italia si svolgerà presso la configurazione di 10 chilometri, percorso combinato (percorso stradale + ovale) di Monza. Mentre il vero percorso combinato di Monza è stato utilizzato per diverse gare di Formula 1 nella vita reale, ha tenuto l'ultima gara di Formula 1 nel 1961; La Formula 1 aveva interrotto l'uso dell'ovale in seguito all'incidente mortale di Wolfgang von Trips al Gran Premio d'Italia del 1961 (che in realtà si verificò alla curva 'Parabolica' piatta che porta al tratto di casa, non su nessuna delle due estremità dell'ovale alto) .
    • L'attuale Gran Premio di Francia del 1966 si tenne a Reims-Gueux (l'ultima volta che la pista avrebbe ospitato una gara di campionato di Formula 1), ma alla fine i produttori decisero di tenere il Gran Premio di Francia al Circuit de Charade (alias Clermont-Ferrand) perché fornisce scatti più belli di Reims.
    • L'ordine delle gare è leggermente cambiato rispetto alla vera stagione di F1 del 1966. La stagione vera è andata a Monaco - Belgio - Francia - Gran Bretagna - Paesi Bassi - Germania - Italia - Stati Uniti - Messico, mentre la stagione del film va a Monaco - Francia - Belgio - Germania - Paesi Bassi - Stati Uniti - Messico - Gran Bretagna - Italia. Poiché le gare negli Stati Uniti e in Messico non sono state girate e menzionate ma non viste nel film, ciò ha permesso che il climax della stagione si svolgesse in una gara che è stata effettivamente mostrata nel film.
  • Badass Driver: Considerando che è un film sulla Formula 1, non sorprende affatto vedere il film pieno di questo.
    • Tra i quattro attori principali, James Garner si è rivelato essere uno. Garner era così competente nella guida che ha finito per diventare un pilota part-time più avanti nella sua vita, e alcuni dei piloti professionisti che hanno preso parte al film hanno detto che Garner avrebbe potuto essere un pilota di Formula 1 di successo se non l'avesse fatto andato a recitare.
  • Finale agrodolce: Pete Aron vince il Gran Premio d'Italia e il campionato, e riesce a riconciliarsi con Stoddard, maSarti è morto in un incidente all'inizio della gara. La scena finale del film mostra Aron che percorre da solo il primo tratto di Monza.
  • Il cameo: molti dei piloti che hanno partecipato all'attuale stagione di Formula 1 del 1966 hanno finito per fare dei cameo nel film, e alcuni di loro sono stati persino mostrati mentre parlavano con il cast del film.
  • Cool Car: Molto simile Corsa (2013) e Le Mans , ogni macchina sulla griglia è questa.
  • Shemp falso:
    • Brian Bedford non sapeva guidare affatto, quindi il suo personaggio, Scott Stoddard, doveva essere interpretato dall'allora futuro tre volte campione di Formula 1 Jackie Stewart per tutte le scene in cui Stoddard viene mostrato alla guida. L'unica volta che la faccia di Bedford è stata mostrata mentre era in macchina è stata durante i primi piani che mostrano la faccia di Stoddard. Questo è anche il motivo per cui Stoddard indossava passamontagna: per nascondere il fatto che in realtà è Stewart alla guida.
    • Poiché il produttore Yamura era fittizio, i produttori hanno dovuto concludere un accordo con il team McLaren di debutto di Bruce McLaren per far dipingere le loro auto nei colori bianco-verde di Yamura.
    • Durante le riprese, si sono verificati due casi di Fake Shemp of a Fake Shemp perché il team di produzione aveva bisogno di filmare i filmati delle corse di Yamura nonostante l'assenza della McLaren nel fine settimana di gara effettivo:
      • Nel Gran Premio del Belgio, la McLaren ha dovuto ritirare la propria vettura prima della gara a causa di problemi ai cuscinetti delle ruote. I produttori hanno rapidamente dipinto il BRM di Bob Bondurant con i colori Yamura, ma ciò è finito per essere vano poiché Bondurant è stato uno dei tanti piloti a cadere nel primissimo giro della gara.
      • Per il Gran Premio d'Olanda a Zandvoort, la McLaren ancora una volta non ha potuto prendere parte perché il motore Serenissima utilizzato dalla vettura si era guastato nelle prove libere e il team McLaren non ha portato in pista alcun motore di riserva. Questa volta, la Lotus-BRM di Mike Spence è stata dipinta con i colori Yamura per la gara stessa. Spence è riuscito a raggiungere la bandiera a scacchi al quinto posto, anche se a tre giri dal vincitore della gara Jack Brabham.
  • Recitazione con metodo fatale: nell'universo conSartiL'incidente mortale di Monza.
  • Nessun antagonista: sebbene molti dei personaggi siano abbastanza sgradevoli, nessuno di loro è presentato come un vero e proprio cattivo.
  • Nessuna celebrità è stata danneggiata: il team principal della Ferrari Agostini Manetta è ovviamente basato sul capo della squadra nella vita reale Enzo Ferrari.
  • Spettatore vittima: due spettatori a Spa che sono saltati illegalmente in pista sono stati uccisi dopo essere stati colpiti da Sarti, caduto dopo che la sospensione anteriore sinistra della sua Ferrari si era guastata.
  • That One Level: In-Universe, considerando che questo proviene da un'era in cui la sicurezza è praticamente un ripensamento, molte delle piste su cui corrono i piloti erano queste. Nürburgring e Spa-Francorchamps (allora ancora percorrevano il tracciato di 14 km) erano le più importanti tra le tante piste pericolose che i piloti hanno corso.
  • La verità in televisione: le corse del Gran Premio del giorno erano ridicolmente pericolose. Dei 32 piloti professionisti presenti, cinque sarebbero morti nell'abitacolo nei due anni successivi e altri cinque nei dieci successivi.
  • Undercrank: evitato; Frankenheimer credeva che il pubblico sarebbe stato in grado di dire la differenza e ha filmato le auto a velocità normale.

Articoli Interessanti